lunedì 5 marzo 2012

La natura umana e l’amarezza della vita: Paradiso amaro

Matt King (George Clooney) è un affascinante avvocato cinquantenne (camiciotti hawaiani a parte) che vive alle isole Hawaii, marito, e padre di due figlie. Sua moglie Elizabeth, praticando sci nautico in pieno Oceano Pacifico, ha un incidente, e cade in coma. La donna aveva lasciato un testamento biologico, e Matt è costretto a rispettare le sue volontà: in caso di coma irreversibile, la donna deve venir scollegata dalle apparecchiature mediche che la tengono in vita. Il coma della moglie è l’occasione, seppur amara, per recuperare i rapporti con le figlie. La maggiore, Alex, ha 17 anni, beve, forse fa uso di sostanze stupefacenti e ha relazioni con uomini più grandi. La minore, Scotty, ha 11 anni, dice parolacce e sa già tante cose sul sesso. Matt, isolatosi (e il verbo non è casuale) per forse troppo tempo dalla propria famiglia perché immerso nel lavoro, oltre a non essersi accorto dei cambiamenti così radicali avvenuti negli ultimi anni nelle proprie figlie, non si è nemmeno reso conto di quanto la moglie si fosse distaccata da lui. Alex gli rivela che Elizabeth gli era infedele, che amava l’uomo con cui lo tradiva e che stava per chiedergli il divorzio. Che fare? Far finta di nulla per cercare di conservare un ricordo quantomeno sereno del proprio matrimonio, o andare alla ricerca dell’amante? Matt sceglierà l’opzione numero due, forse perché ha già lasciato scorrersi le cose addosso per troppo tempo. Decide quindi di premere «pausa» e di cercare di dare un senso, seppur paradossale, alla propria esistenza. Accompagnato dalle figlie e da un scimmiesco terzo personaggio, Sid, amico di Alex, inizierà uno strano viaggio alla ricerca di Brian Speer, l’agente immobiliare amante di Elizabeth. E siccome Matt vuole che tutte le persone che Elizabeth amava dessero un ultimo saluto alla moglie, chiede anche a Brian di fare ciò, recandosi in ospedale dalla donna.
Titolo tradotto erroneamente con Paradiso amaro, l’originale è The descendants, ovvero “Gli eredi”. Matt discende infatti da un’antica famiglia nativa hawaiana, arrivata nell’arcipelago 150 anni fa, che ha lasciato in eredità a lui e ad altri cugini un appezzamento terriero, di cui però Matt è l’amministratore fiduciario. Da lui dipende quindi la vendita di tale terreno, che sembra ormai in procinto di esser realizzata.
Tanti i temi affrontati, dalla disgregazione della famiglia americana contemporanea, alle radici culturali e di sangue che ci legano alla terra, all’imprevedibilità dell’amore che va e che viene, all’imperfezione della felicità umana, fondamentalmente irrealizzabile. Centrale è la figura di Matt King, esempio di come la morale cristiana (rappresentata dal padre di Elizabeth) prenda spesso granchi, di come spesso la sofferenza renda davvero più forti (senza luoghi comuni) e di come l’essere umano sia imprevedibile, comportandosi nelle situazioni dolorose in maniera totalmente opposta (e più laicamente meritevole) a come agirebbe in una condizione di normalità.
Nominato a cinque premi Oscar (miglior film, miglior regia, miglior montaggio, miglior sceneggiatura non originale e miglior attore protagonista George Clooney), il film si è aggiudicato solo la statuetta della sceneggiatura non originale (scritta dallo stesso regista Alexander Payne, ma tratta dall’opera di Kaui Hart Hemmings, Eredi di un mondo sbagliato).
Bellissima la fotografia, e i contrasti cromatici.
Payne, dopo A proposito di Schmidt (2002), Sideways - In viaggio con Jack (2004) e dopo l’episodio del film corale Paris, je t’aime (2006) torna a far centro. Un film che deve essere letto (sì, perché i film, più che esser visti, dovrebbero essere letti) a strati: superficialmente una commediola forse un po’ irreale e incomprensibile, ma nella sua sostanza più profonda un dramma. Un dramma né triste né angosciante, nonostante la morte aleggi per tutta la pellicola: solo incredibilmente attuale, che ci ricorda di come nella vita non sia tutto o bianco o nero, ma che esiste una scala di grigi. Bellissimo.

Erin

1 commento:

D9P ha detto...

"L'elaborazione del lutto che si mischia all'elaborazione del tradimento"
Ci tenevo tanto a dirlo!

Gran film, grande Clooney (pure con le camiciotti hawaiani)...mi sono ritrovato molte volte nelle sue reazioni..!

Posta un commento